Divi VS Elementor confronto

Divi e Elementor: confronto tra i due page builder per WordPress più diffusi al mondo. Quale scegliere? Qual è il migliore? Chi vince?

Elementor o Divi: quale scegliere?

A grande richiesta dalla Community di Imparaqui, il confronto tra Divi e Elementor, quale dei due page builder per WordPress vincerà la sfida?

Divi?

Elementor?

Inizio subito con il dire che non ci sarà una vittoria schiacciante da parte di uno dei due giganti della creazione visuale di siti WordPress, ma non voglio svelare altro 🙂

Qui sotto vediamo nel dettaglio una comparazione dettagliata di questi potentissimi strumenti.

INFO Se non conosci bene Elementor e Divi, ti invitiamo a leggere anche le nostre due recensioni approfondite corredate di tutorial introduttivo:

Bene, ora siamo pronti per iniziare il confronto Divi VS Elementor! Che vinca il migliore!

Facilità di configurazione iniziale: confronto tra Elementor e Divi

Elementor e Divi hanno entrambi una curva di apprendimento molto simile in cui è necessario prendere dimestichezza con la gestione dei font, dei colori, e di tutti gli elementi globali del proprio sito. In Elementor va a complicare le cose il fatto di dover scegliere un tema WordPress compatibile.

Per eseguire molte delle modifiche principali del sito è necessario sia per Elementor sia per Divi, spostarsi in diverse schermate tra il personalizzatore di tema e le impostazioni dei page builder.

Per esempio non è possibile effettuare da un luogo unico tutte queste semplici operazioni:

  • la modifica generale di tutti i font dei titoli (h1, h2, ecc.) e del body,
  • modifica della paletta colori predefinita,
  • modifica del logo e della favicon,
  • personalizzazione dello stile generale dei bottoni.

Per quanto riguarda facilità di configurazione iniziale entrambi i page builder raggiungono la sufficienza ma hanno ampio margine di miglioramento.

Gestione globale font e colori, facilità di modifica delle opzioni globali del sito:

ElementorDivi
5/106/10

Il primo round viene vinto per un punto da Divi, in entrambi i casi sorprende il fatto di non avere molte delle opzioni più banali incluse in un unico posto, ma nel caso di Elementor si aggiunge la complicazione di dover scegliere un tema compatibile che aggiunge potenzialmente un’ulteriore complicazione di configurazione (per questo motivo noi consigliamo Hello Theme, il tema ufficiale per Elementor PRO).

Interfaccia di creazione delle pagine: differenze tra Divi e Elementor

Quando apriamo il page builder di Elementor e il Visual Builder di Divi abbiamo subito due impressioni diverse:

  • il page builder di Elementor ha una struttura più “quadrata” e solida, è meno flessibile ma comunica più stabilità rispetto a quello di Divi
  • il visual builder di Divi è più arioso, facilita la gestione dei padding e degli spazi, ha una maggiore flessibilità grafica ma in compenso può dare in alcuni casi una sensazione di instabilità

Per quanto riguarda la velocità di caricamento e di lavoro su entrambi i page builder, abbiamo una situazione piuttosto simile.

Fino a fine 2019 Elementor vinceva alla grande su Divi da questo punto di vista, ma, dopo l’uscita del Theme Builder di Divi 4.0, ho potuto constatare un miglioramento impressionante delle performance generali del visual builder.

Ora entrambi i builder funzionano velocemente e si lasciano usare con fluidità.

A livello di UX e UI (di esperienza utente e interfaccia) dei due builder visuali per WordPress abbiamo le seguenti caratteristiche salienti:

FunzioneElementorDivi
Gestione spaziature (margini, padding)5/109/10
Opzioni di impaginazione (allineamenti, colonne, ecc.)8/106/10
Flessibilità6/109/10
Rapidità e fluidità8/108/10
Gestione avanzata degli stili globali5/109/10
TOTALE7/109/10

Questo round lo chiude nuovamente Divi in avanti, questa volta di due punti: la flessibilità e la gestione globale degli stili dei moduli: il Visual Builder di Divi permette molteplici opzioni personalizzazione per avere un’esperienza di creazione delle pagine altamente personalizzata e per modificare rapidamente e estendere globalmente le impostazioni di stile di tutti i suoi moduli.

I Theme Builder di Divi e di Elementor a confronto

Cos’è esattamente un Theme Builder? È una struttura che permette di prendere il controllo di tutto il tuo sito, non solo delle pagine e degli articoli, ma di ogni aspetto strutturale di WordPress: header e footer (testata di navigazione e piè di pagina), pagine di archivio (categoria, data, autore, tag, ecc.), custom post type (tipi di contenuto personalizzati), pagine dei risultati di ricerca, pagina 404, ecc.

Divi e Elementor forniscono entrambi due ottimi Theme Builder integrati.

L’interfaccia di utilizzo è più intuitiva per il tema Divi, che presenta un Theme Builder notevolmente facile da utilizzare e personalizzare visivamente.

Elementor ha un Theme Builder leggermente “old school” nella grafica e nella gestione degli elementi, ma è molto solido e ricchissimo di opzioni.

Rispetto a Divi, qui Elementor ha l’asso nella manica: il Popup Builder.

Il Popup Builder di Elementor consente di attivare una macchina di marketing potentissima senza dover aggiungere ulteriori plugin al proprio sito:

  • Exiti intent
  • Scroll
  • Timer

Questi sono solo alcuni dei trigger che possono fare scattare i vari popup che puoi creare con Elementor.

Inoltre puoi personalizzare la visualizzazione dei tuoi popup filtrandoli per pagine specifiche del tuo sito, per tipologia di utenti, per sorgenti di traffico e molto altro.

Il popup builder unito al visual form builder di Elementor fanno di questo page builder un’avanzata piattaforma di marketing.

Questo giro lo vince Elementor PRO, per il suo Popup Builder.

Divi e Elementor: Moduli & Widget a confronto

Divi offre 40+ moduli integrati, Elementor mette a disposizione più di 80 widget nel sul page Builder.

C’è da dire che la flessibilità di Divi compensa ampiamente il numero inferiore dei moduli e che la gestione globale degli stili rende la personalizzazione in Divi di gran lunga più efficace e rapida.

Detto questo va assolutamente sottolineata la potenza del form di contatto di Elementor, si tratta di un Widget meraviglioso che integra tutte le funzioni necessarie per fare lead generation o creare form di contatto avanzati, ecco alcune delle funzioni incluse:

  • Integrazione con Honeypot e Google reCaptcha antispam
  • Possibilità di caricamento file
  • Possibilità di inserire campi nascosti

L’unica potenzialità in più presente nel moduli di contatto di Divi è quella dedicata alla logica condizionale, che in Elementor non è disponibile.

Integrazione con WooCommerce: come si comportano Divi e Elementor

In entrambi i casi l’integrazione tra il page/theme builder e WooCommerce è veramente perfetta e presenta pochissimi bug o punti ciechi.

Se si sceglie Divi o Elementor PRO, in entrambi i casi si ottiene veramente un’ottima integrazione e possibilità di personalizzazione di:

  • pagine di prodotto di WooCommerce
  • pagina del negozio di WooCommerce
  • pagine di categoria prodotto e tag prodotto
  • pagine dei risultati di ricerca prodotti

Inoltre per entrambi i page builder è molto facile integrarsi bene con CartFlows il plugin numero uno per creare flussi di acquisto personalizzati con WooCommerce.

Assistenza e Community di Elementor e Divi

Sia Elementor sia Divi hanno delle grosse e solide community alle spalle, entrambe offrono inoltre un servizio di assistenza ben strutturato e efficace.

Divi ha creato recentemente il Support Center, una sezione interna alle opzioni di Divi che ti consente di effettuare tutte le principali operazioni di test e verifiche per capire come risolvere incompatibilità o eventuali bug.

Performance: Elementor e Divi a confronto

Abbiamo testato Divi e Elementor su stesso hosting su due installazioni WordPress identiche usando Page Speed Insights di Google, Pingdom e GT Metrix.

Elementor è risultato essere leggermente più pesante con più richieste al browser e tempi di caricamento leggermente superiori a Divi.

In ogni caso lavorando bene con i plugin di ottimizzazione come WP Rocket o SG Optimizer si possono ottenere ottimi risultati su entrambi.

Infine è da ricordare un piccolo punto debole di Divi: se si vuole disattivare Divi per passare a un altro tema o page builder bisogna ripulire tutte le pagine dagli shortcode che vengono lasciati a vista. Per fare questo passaggio ti consiglio plugin come: Bye Bye Divi! di Sean Barton oppure Shortcode Cleaner Lite.

Divi VS Elementor: chi vince?

Il risultato di questo confronto è chiarissimo:

Hai già usato Elementor PRO o Divi? Con quale ti trovi meglio? Quali sono le caratteristiche che usi di più e che per te sono più importanti?

Scrivi nei commenti!

Se vuoi approfondire l’argomento: abbiamo anche una guida completa per tutti i migliori page builder per WordPress oltre a Divi e Elementor.

Infine qui sotto puoi scegliere di iniziare con la nostra formazione per Divi o Elementor!

CONDIVIDI
Default image
Pascal Claro
Esperto WordPress, YouTuber, Marketer, Cantautore, Poeta, Creativo. Ho fondato e gestisco la scuola online imparaqui.it dove puoi trovare numerosi corsi online per potenziare business, creatività e lifestyle. Ti consiglio di iscriverti alla newsletter di imparaqui per ricevere tutti gli aggiornamenti importanti!

2 commenti

Scrivi un commento

Sblocca l'accesso a centinaia di lezioni online

Accedi immediatamente a tutti i corsi e alla community di imparaqui, senza limiti.

Domande frequenti

Come funziona l’accesso ai corsi di imparaqui?

Attivando l’abbonamento trimestrale o annuale a imparaqui puoi accedere a tutti i corsi presenti sul sito senza alcun limite. Mantenendo attivo il tuo abbonamento puoi continuare a seguire tutti i corsi, incluse le nuove uscite. Se decidi di interrompere il rinnovo automatico dell’abbonamento, alla scadenza del periodo di iscrizione perdi l’accesso a tutti i corsi. Puoi disattivare o riattivare l’abbonamento a imparaqui direttamente dal tuo account, in qualsiasi momento.

Posso ricevere fattura?

Sì, per ogni acquisto è possibile inserire i propri dati aziendali e scaricare dal proprio account il pdf della fattura che viene generata automaticamente. imparaqui è un’azienda con sede in Francia, i dati aziendali completi, incluso il numero di partita IVA intracomunitario, sono reperibili nel piè di pagina del sito.

Posso disattivare il rinnovo automatico dell’abbonamento?

Sì, puoi disattivare il rinnovo automatico dell’abbonamento in qualsiasi momento direttamente dal tuo account nella sezione dedicata alla gestione dell’abbonamento.

Quali metodi di pagamento posso usare per iscrivermi?

Puoi pagare con Carta di credito (tramite il servizio sicuro internazionale fornito da Stripe) oppure con PayPal.

È possibile scaricare le video lezioni o avere un accesso a vita ai corsi?

No, attualmente non offriamo questa opzione. Mantenendo attivo l’abbonamento a imparaqui si può accedere a tutti i video corsi senza limiti e da qualsiasi dispositivo.

Cosa contengono i corsi online di imparaqui?

I corsi online di imparaqui sono strutturati in video lezioni e sono arricchiti da materiale utile come link, codice, pdf, immagini, template, ecc. Le video lezioni e il materiale annesso sono accessibili 24 ore su 24 senza limiti e da qualsiasi dispositivo.

I corsi online di imparaqui sono sempre aggiornati?

I nostri insegnanti fanno del loro meglio per mantenere aggiornati e funzionali tutti i corsi di imparaqui. È da tenere presente, tuttavia, che imparaqui non garantisce l’aggiornamento dei corsi della piattaforma, e che l’utente accetta di poter trovare errori e/o parti non aggiornate.

Offrite un servizio di assistenza?

No, non offriamo un servizio di assistenza. Puoi postare eventuali domande o condividere la tua esperienza con gli insegnanti e con la community scrivendo direttamente nella sezione commenti presente sotto a ogni corso. È da tenere presente, inoltre, che i nostri insegnanti non sono tenuti a rispondere per forza o a fornire consulenze o assistenza attraverso la community.

Avete una garanzia di rimborso?

Sì, offriamo una garanzia di rimborso. Nel caso in cui i corsi online di imparaqui non dovessero soddisfare a pieno le tue aspettative, puoi contattarci e richiedere un rimborso. Le condizioni da rispettare per poter ricevere il rimborso sono:

  1. Non aver visionato più del 20% per ogni singolo corso su imparaqui.
  2. Inviare la richiesta di rimborso entro e non oltre 14 giorni dalla data di iscrizione a imparaqui.

Un ulteriore caso in cui viene effettuato il rimborso è legato al rinnovo automatico involontario (per dimenticanza di disattivazione), in questo caso il rimborso deve essere richiesto entro 5 giorni dalla data del rinnovo e senza aver visionato nessun corso nel periodo successivo al rinnovo.

Ho altre domande…

Per qualsiasi altra informazione puoi contattarci da questa pagina. Il team sarà felice di rispondere il prima possibile.